Vai a Colvin
Consigli per la cura, Highlights, Piante

L’acqua migliore per innaffiare le piante

Mamme e papà piantofili preoccupati per come innaffiare le vostre piante, oggi abbiamo una voglia matta di parlare di acqua e piante. Perciò sì, hai bisogno di un taccuino e una matita per annotare tutto ciò che ti diremo.

Una volta acquistata una pianta non si torna indietro. Non potrai più fermarti anche volendo. E dal momento in cui inizi a indagare sulle tue coinquiline, vedrai che ognuna di loro è diversa dalle altre e ha bisogno di cure specifiche. Una delle coccole più importanti per le piante è l’irrigazione. Pertanto, presta molta attenzione a ciò che ti diremo.

innaffiare le piante

L’importanza dell’acqua

Bussano alla porta, arriva la tua pianta e tu la metti in quello che sarà il suo angolino per molto, molto tempo. Tendiamo a dimenticare l’idea che provengano dalla giungla o dalla strada. Quindi, l’acqua che ricevono naturalmente arriva dalla pioggia o dal sottosuolo. Un’acqua molto naturale e pura, totalmente priva di sostanze chimiche.

Abbiamo voluto ricordarlo per farti capire meglio che non tutti i tipi di acqua sono adatti. L’acqua del rubinetto, ad esempio, anche se trattata, non va bene. Innaffiare le piante con acqua trattata è un problema, perché le sostanze chimiche contenute nell’acqua influiscono sulla loro naturalezza. Pertanto, dobbiamo cercare di riprodurre il modo naturale in cui le piante vivono.

Esistono diversi tipi di acqua per innaffiare le piante?

La risposta è sì. No, non siamo impazziti. Ci sono quasi tanti tipi di acqua quante sono le piante. Beh, forse ora stiamo esagerando. Però ce ne sono un bel po’, più di quanto possa immaginare. I tipi che devi obbligatoriamente conoscere sono: acqua piovana, acqua filtrata, acqua distillata, acqua del rubinetto e acqua naturale.

Raccomandazione! Le acque che vincono questa battaglia sono senza dubbio l’acqua piovana, la filtrata e la distillata (senza profumo). Quando è possibile, usa l’acqua piovana, ma sappiamo che è un po’ complicata, perciò l’acqua filtrata o la distillata saranno perfette per innaffiare le piante.

Se non hai modo di procurarti nessuno di questi tre tipi di acqua, ecco un piccolo trucco che può aiutarti. Devi tenerlo come l’ultima opzione, perché, in ogni caso, non è una buona alternativa. Si tratta di prendere l’acqua del rubinetto e lasciarla riposare per alcune ore. In questo modo, tutte le sostanze chimiche, come il cloro, evaporeranno. Più la lasci riposare, meno sostanze chimiche conterrà.

Colvin innaffiare le piante

Le piante più sensibili all’acqua

Per le piantine che citiamo in seguito, dimentica completamente l’acqua del rubinetto. Sono piante sensibilissime.

· Alocasia

· Big Willy

· Lara

Piante che possono resistere un po’ di più

Prima di scoprire le piante che riescono a resistere di più, vogliamo ribadire che l’acqua distillata o la filtrata sono migliori.

Queste sono le piante che potrebbero sopportare leggermente meglio le innaffiature con acqua non tanto buona.

· Big Savannah

· Fiona

· Tessa

· Lua

· Little Gala

· Miranda

· Little Monica

· Eric & Stella

Cambiamenti visibili

Ecco uno dei cambiamenti più evidenti che vedrai riflesso nel vaso. Se le tue piante sono interrate in vasi di terracotta, vedrai che tendono a trasudare molto. Cambiando il tipo di acqua, ciò non accadrà più. Rimuovendo tutte le sostanze chimiche, la qualità sia del substrato sia della pianta è mantenuta molto più a lungo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15% DI SCONTO

Cosa aspetti a scegliere il bouquet o pianta che preferisci?

Codice: BLOGIT15