Vai a Colvin
Colvinpedia, Mondo Colvin

Talea di ortensia: una piccola guida

La talea è il metodo più efficace di riproduzione dell’ortensia. Non è un’operazione complicata, se sappiamo come procedere! Ci sono almeno quattro modi per effettuare la talea di ortensia, vediamoli insieme.

Talea di ortensia nel terreno

Far radicare la talea di ortensia direttamente nel terreno è la modalità che richiede l’uso del minor numero di strumenti. Dovete scegliere la pianta d’ortensia che più preferite e tagliare da essa un ramo privo di fiori. Controllate che il rametto raggiunga perlomeno i dieci centimetri di lunghezza e piantatelo nel terreno. Innaffiatelo, aspettatate che metta radici e che rigeneri un’altra bella ortensia.

talea ortensia

Talea di ortensia in vaso

Ecco le semplici istruzioni per la riproduzione dell’ortensia in vaso. Per prima cosa dovete scegliere un’ortensia sana e prelevare da essa un ramo senza fiori di una decina di centimetri. Recidetelo usando delle forbici affilate. È bene che vengano rimosse le foglie più basse. Nel frattempo bisogna preparare il contenuto del vaso che dovrà consistere in un mix di terriccio e sabbia, per evitare ristagni d’acqua, e dovrà essere ben umidificato. A questo punto potrete riporre il rametto, la talea di ortensia, nel vaso che avete appena preparato.

Dopo qualche settimana, in genere due o tre, le talee metteranno radici. Per garantire un buono sviluppo della talea di ortensia è consigliabile disporre i vasi in un ambiente dal clima mite, che sia all’interno della casa o sul balcone. È importante che non ricevano direttamente la luce del sole e che non vengano innaffiate eccessivamente. Come dicevamo, bisogna cercare di evitare i ristagni d’acqua.

Talea di ortensia in acqua

L’ortensia si può moltiplicare per talea anche in acqua! La talea di ortensia in acqua risulta essere uno dei modi più fruttuosi. Vediamo in che modo eseguirla. Prelevate dall’ortensia madre che preferite – è consigliabile scegliere la più sana e vigorosa – un rametto. Anche in questo caso la scelta dovrà ricadere su un ramo privo di inflorescenze, lungo all’incirca una decina di centimetri. Una volta trovata la talea giusta, collocatela in un vaso o in un bicchiere d’acqua (se trasparenti tanto meglio! Potrete così controllare con facilità la crescita delle radici). Infine, aspettate che le radici crescano per poi piantare la vostra talea di ortensia.

Talea di ortensia

Talea di ortensia direttamente dalla pianta madre

Si può riprodurre l’ortensia direttamente dalla pianta madre, vale a dire facendo radicare la talea senza reciderla dalla pianta madre. Questa volta dovrete scegliere un ramo tra i più bassi, uno che sia vicino al suolo. Dovrete scavare una piccola buca vicino all’ortensia madre e riporvi dentro il ramo, lasciando fuori solo l’estremità. Ricoprite la buca con molta terra e, una volta chiusa, metteteci sopra un sasso, una pietra o qualsiasi oggetto pesante che aiuti a fissare la talea di ortensia sotto la buca. Di tanto in tanto occorre innaffiarla.

Ora aspettate tranquillamente che si formino le radici. Una volta che si sono sviluppate si può procedere al taglio del ramo d’ortensia dalla pianta madre. Poi dovrete estrarre la talea dal terreno. Vi suggeriamo cautela in questo momento: scavate nella zona circostante al ramo facendo attenzione a non tagliare né le radici della talea né quelle dell’ortensia madre. Infine piantate la talea in un punto in cui abbia lo spazio necessario per crescere e svilupparsi.

La Colvinpedia

Non dimenticarti che se ti interessano i fiori e vuoi saperne di più sulle loro proprietà e curiosità non puoi perderti la Colvinpedia 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15% DI SCONTO

Cosa aspetti a scegliere il bouquet o pianta che preferisci?

Codice: BLOGIT15