Spedizione gratis dal lunedì al venerdì, in tutta Italia!
Vai a Colvin
Consigli per la cura, Piante

Vuoi imparare a prenderti cura di Oscar? Ecco le principali cure per farlo perfettamente

La nostra Calathea Crocata o pianta della fiamma eterna, è entrata a far parte della famiglia Colvin da alcune settimane. Se già fa parte anche della tua famiglia oppure se vuoi sapere come prendertene cura prima di accoglierla, mettiti comoda e parliamo un po’ di Oscar.

Oscar viene dal Brasile ed è l’unica pianta fiorita delle Calathea. Il suo soprannome, pianta della fiamma eterna, deriva dai suoi fiori – o meglio brattee – color arancione brillante, che sporgono dalle sue foglie di circa 10 centimetri. Sembrano proprio le fiamme di un fuoco. Le sue foglie sono morbidissime, come il velluto, e di un elegante colore verde che non passa inosservato. Tutte queste qualità fanno della Calathea Crocata una pianta da interno molto apprezzata dai decoratori.

Se anche tu non hai saputo resistere alla sua bellezza e ha voluto accoglierla in famiglia, non preoccuparti! Ti capiamo perfettamente. Oscar è fantastica. Il colore verde intenso delle foglie e le infiorescenze arancioni lascia tutti estasiati. Anche i colleghi d’ufficio! Dunque, conosci tutte le cure di cui ha bisogno la pianta della fiamma eterna perché continui ad affascinare ogni giorno?

calathea crocata cura

Cure della Calathea Crocata

Illuminazione

Alla nostra Calathea Crocata piacciono i luoghi con molta luce, ma mai diretta. Come sedersi su una terrazza in piena estate, ma all’ombra.

Oscar è una pianta piena di ritmo poiché si muove giorno e notte secondo le condizioni di luce che riceve.

Irrigazione

Come tutte le Calathea, è un po’ esigente in fatto di acqua. Ti consigliamo di annaffiarla con acqua filtrata, distillata, piovana o riposata perché è piuttosto sensibile ai prodotti chimici presenti nell’acqua del rubinetto.

Temperature

Viene dal Brasile perciò le piacciono i luoghi caldi. Vive meravigliosamente tra i 14 e i 28 gradi e ama i luoghi molto umidi. Chi l’avrebbe mai detto, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *