Vai a Colvin
Consigli per la cura, Piante

Strelitzia Nicolai: scoprila e coccolala con queste cure basilari





Fiorai e giardinieri amano tutte le piante. Tuttavia, hanno un debole per la sterlizia. La varietà Strelitzia Nicolai è quella che cresce di più tra tutte le sue sorelle. Resta con noi e ti diremo come fare 🙂

Se sei una plant lover, sicuramente hai una Strelitzia e se ancora non ce l’hai, dovresti! Non solo per la facilità delle sue cure, ma soprattutto per il suo aspetto e il tocco esotico che dà all’ambiente: non dovrebbe mancare in nessuna casa o giardino. 

La Strelitzia Nicolai proviene dalle parti meridionali e subtropicali dell’Africa. È una pianta con fiori che le conferiscono un tocco in più nella decorazione e le donano il soprannome di Uccello del paradiso. Con un pizzico d’immaginazione vedrai che la forma dei suoi fiori è simile a quella di un uccello dal piumaggio esotico.

Il nome del genere è dedicato a Carlotta di Meclemburgo-Strelitz, regina inglese di origine tedesca, grande appassionata di botanica.

Se stai cercando una pianta grande, la Strelitzia Nicolai è la varietà che cresce di più tra tutte le sue sorelle. Se hai già una strelitzia nicolai a casa, non avrai nessun problema. La cura della sterlizia è facile, ti servirà solo un po’ di attenzione per farla crescere sana e forte.

Cure della Strelitzia Nicolai

Illuminazione

Luce indiretta alta e luce diretta bassa. Il posto migliore per tenere una Strelitzia nicolai è all’esterno, ma può vivere anche all’interno se hai una casa molto illuminata. La Strelitzia Nicolai richiede almeno 3-4 ore di luce diretta al giorno, evitando le ore centrali che potrebbero danneggiarla. Questo è molto, molto importante, perché se la sterlizia non riceve la luce di cui ha bisogno, non potremo godere di ciò che più la caratterizza, cioè i suoi fiori. 

Irrigazione

Ti sei dimenticata di innaffiarla? Don’t worry. La Strelitzia Nicolai affronta abbastanza bene la mancanza di acqua. È chiaro che nei mesi più caldi dovremo prestare un po’ più di attenzione e fare in modo che il substrato non sia troppo asciutto. In inverno, la nostra Strelitzia Nicolai sarà abbastanza indipendente e potremo distanziare un po’ le innaffiature.

Controlla le condizioni del substrato con un dito o con un misuratore di irrigazione prima di innaffiare. Se il terreno è umido e fresco, non ha bisogno di acqua 🙂

strelitzia nicolai cura

Temperatura

Come dicevamo, la Strelitzia Nicolai viene dal continente africano, quindi ama il caldo e l’umidità. Vive felicemente tra i 10 e i 25 gradi, temperatura ideale per sorprenderti con i suoi incredibili fiori. Sotto i 10 gradi si consiglia di proteggerla un po’ per evitare che avvizzisca. Inoltre, se vivi in ​​una zona dove il gelo è di casa, faresti meglio a tenerla all’interno :).

Fioritura

Parliamo dell’aspetto più importante, una delle cose che più attira l’attenzione di questa pianta: i suoi fiori. Sbocceranno in primavera e dureranno fino all’autunno. Sono di colore viola, a forma di cialda e all’interno vedrai che è diviso in tre fiori che si aprono in successione dall’arancione al giallo. Se vivi in ​​un luogo caldo, avrai la fortuna di vederla fiorire più volte l’anno.

Fertilizzazione

Dalle una bella spinta e aiutala a crescere sana e forte con dei fertilizzanti liquidi organici. Prova con il guano, l’humus di lombrico o il letame di animali erbivori, durante la primavera fino all’inizio dell’autunno. Vedrai che rapida crescita avrà la tua Strelitzia Nicolai!

Substrato

Se hai una Strelitzia Nicolai in vaso, ricorda: base di argilla espansa, un 80% di substrato universale e un 20% di perlite. Se la tieni in giardino, avrà bisogno di terreno fertile, un buon drenaggio, un terriccio di coltura universale con perlite e una buca di 50×50 cm.

Consigli extra per la tua Strelitzia Nicolai

È super resistente, anche al vento. Ma diciamocelo, ogni buon temporale provoca danni. Se hai deciso di mettere la tua Strelitzia Nicolai all’aperto, dovrai fare attenzione alle forti raffiche di vento e tenerla al riparo in modo che non le accada nulla di male.

Ama l’umidità, ricordi? Nebulizzala spesso e mettila su un piatto con acqua e ciottoli di fiume per mantenere questa umidità.

Ricordati di pulire le foglie dalla polvere e togliere i fiori appassiti in modo che continui a crescere bene.

Se non sai quando trapiantarla, le sue radici saranno il segnale di cui hai bisogno. Quando le vedrai fuoriuscire dal substrato o attraverso i fori di drenaggio del vaso, sarà il momento giusto. Se vuoi sapere come si fa, leggi qui.

⚠️ATTENZIONE: La Strelitzia Nicolai non va molto d’accordo con bambini e animali domestici, quindi dovrai tenerli d’occhio in modo che non ci siano scontri indesiderati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15% DI SCONTO

Cosa aspetti a scegliere il bouquet o pianta che preferisci?

Codice: BLOGIT15