Vai a Colvin
Indoor, Interviste, Team

Scopri la storia dei maghi di Colvin

Oggi abbiamo qualcosa di molto speciale per te. Vogliamo parlarti di una parte del team con cui di solito parli al telefono. Sono la parte che è più vicina a te e che cerca di garantire che ciascuno dei pacchetti che vengono spediti arrivi fino a te e lo faccia nel miglior modo possibile. Vuoi che ti raccontiamo una bella storia che ci è capitata l’altro giorno?

Il dipartimento di cui stiamo parlando è il servizio clienti o customer service, vedrai che fanno magie per risolvere i problemi che si presentano e quindi darti il ​​miglior servizio. Ecco perché li chiamiamo wizards, cioè maghi. Se non ci credi, guarda cosa ha fatto Ivan affinché la nonna di Laura, Mari Ángeles, ricevesse il bouquet delle sue nipoti, che questo Natale non potranno stare con lei. Ti lasciamo con lui:

Tutto è iniziato con una telefonata molto presto al mattino. Ho risposto e c’era Laura dall’altra parte del telefono, era piuttosto preoccupata perché il suo ordine non sarebbe stato consegnato. Mi ha detto che la società di consegna l’aveva contattata, dicendo che l’ordine era in una zona di consegna pericolosa e conflittuale e che non lí fornivano servizi di consegna.

Laura mi ha raccontato che attualmente vive fuori città e per lei era impossibile ritirare l’ordine. Mi ha anche spiegato quanto quell’ordine fosse speciale. Era un regalo che alcune nipoti avevano fatto alla nonna, visto che questo Natale non potevano passarlo insieme a lei e volevano avere un dettaglio con la nonna. Mi ha anche spiegato come fosse impossibile che sua nonna andasse a ritirare l’ordine, visto che l’ufficio era dall’altra parte della città, a quasi un’ora di cammino da casa sua.

Ho fissato lo schermo per un minuto, con faccia incredula, non capendo perché ciò stesse accadendo. Rivedendo nuovamente l’ordine, ho visto che l’indirizzo di consegna era a Sabadell, e io, che abito a Sant Cugat del Vallés, conosco la città poiché è a circa 15 minuti dalla mia.

Ero in riunione con Maria, la mia Team Leader, e quasi senza pensarci le ho detto: “Maria, lo consegno io”. Maria è rimasta un po’ scioccata e le ho ripetuto: “Sì, prendo la macchina e glielo consegno io”. Ciò che sembrava un evento surreale è diventato presto una possibilità, dal momento che l’unica possibilità che María Ángeles ricevesse il suo regalo era che io glielo consegnassi.

Ci siamo messi al lavoro e ho chiamato Laura per parlarle della nostra particolare soluzione. Ho preso la macchina e sono partito in direzione dell’ufficio consegne.

Sono arrivato nel quartiere e sono sceso dalla macchina con la scatola, ho camminato per 30 secondi pensando a come fare la consegna di Colvin, cosa dovevo dire alla nonna di Laura e realmente, ero un po’ nervoso.

Ho suonato il campanello e Maria Ángeles è scesa, mi ha aperto la porta e le ho consegnato il pacco. Le ho chiesto: “Sa chi le fa questo regalo? E dopo cinque secondi di pausa e di respiro profondo, ha risposto “le mie nipoti, sicuramente”. L’ho vista emozionata per il dettaglio e, soprattutto, per ricordarsi di chi glielo inviava.

Mi ha fatto l’occhiolino e le ho desiderato che passasse una giornata meravigliosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15% DI SCONTO

Cosa aspetti a scegliere il bouquet o pianta che preferisci?

Codice: BLOGIT15