Vai a Colvin
Highlights, Mondo Colvin

La storia di San Valentino. Perché si regalano i fiori? Chi era lui?

Il giorno in cui le luci soffuse e i cuori pieni d’amore riempiono l’atmosfera ha una grande storia alle spalle. Non dobbiamo certo dirti quando è San Valentino. Il 14 febbraio è un giorno segnato sui calendari di molti Paesi del mondo, ma sapresti dire dove tutto è iniziato? Quando e perché si celebra? Ti raccontiamo qualcosa in più sulla storia di San Valentino.

Se immaginavi che il nome di questo giorno fosse per qualcuno di nome Valentino, avevi ragione. Secondo il luogo possiamo chiamarlo semplicemente San Valentino o la Festa degli Innamorati o il Giorno dell’Amore e dell’Amicizia, ma dietro questa festa c’è molto di più che regali e romanticismo.

Inoltre, anche i fiori hanno il loro piccolo grande momento in questo racconto. Dietro uno dei dettagli con cui questa festa è più connessa, c’è una storia che amerai. Una leggenda niente di più e niente di meno che con qualche dea coinvolta. Non ti stuzzica la curiosità di saperne un po’ di più su San Valentino? L’emozione ci ha travolto, perciò vogliamo raccontarti tutto.

Storia di San Valentino

Per conoscere la vera storia di San Valentino, dobbiamo teletrasportarci in una delle città dell’amore. No, non ci riferiamo a Parigi, ma alla bella Roma. Da un lato, nel terzo secolo, c’era un prete di nome Valentino che celebrava matrimoni per giovani innamorati (per questo San Valentino è il santo patrono degli innamorati). Dall’altra parte, abbiamo l’imperatore di allora, Claudio II, che decise di vietare i matrimoni tra i giovani. La sua ragione era che i single senza famiglia erano i soldati migliori, poiché non avendo legami, erano più audaci nel combattere in battaglia.

historia de san valentin

Come probabilmente avrai già immaginato, le notizie viaggiano velocissime e Claudio II finì per scoprire cosa stesse facendo il prete Valentin. Pertanto, decise di condannarlo a morte il 14 febbraio dell’anno 270, ma prima di morire Valentino fece qualcosa di miracoloso: guarì dalla cecità la figlia di una delle guardie carcerarie. Quando Valentino morì, la ragazza volle onorarlo e piantò un mandorlo vicino alla sua tomba.

Da quel giorno, Valentino divenne santo patrono degli innamorati. Grazie alla sua lotta per l’amore, noi festeggiamo un giorno bello come questo.

Ora, un po’ di pettegolezzo 😉 : Sapevi che Esther A. Howland era responsabile dei famosi bigliettini con le frasi di San Valentino e i disegni degli innamorati? I suoi prodotti iniziarono a essere venduti nel 1840 per pochi centesimi nella libreria di suo padre e furono un successo assoluto.

Perché a San Valentino si regalano i fiori?

Ci sono migliaia di occasioni in cui i fiori sono un vero successo. Tuttavia, i fiori a San Valentino sono diventati una tradizione. Dietro questo gesto c’è una storia che merita di essere raccontata e che ti farà venire voglia di regalare ancor di più quel bouquet alla tua persona amata.

Uno dei motivi per cui i fiori sono l’articolo più regalato a San Valentino ha a che fare con il loro simbolismo. Se c’è qualcosa che parla di amore e passione come poco altro, sono le rose rosse. È il simbolo dell’amore per eccellenza. È il regalo con cui non si sbaglia mai, ancor meno il 14 febbraio.

cuando es san valentin

Infine, c’è un’altra storia. C’è una leggenda secondo cui Afrodite, dea dell’amore, era appassionata di rose. Di conseguenza, se qualcuno voleva conquistarla, doveva regalarle un bouquet di questi fiori. Ecco perché quando si vuole conquistare il cuore di una persona amata, i fiori diventano il regalo perfetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *