Spedizione gratis dal lunedì al venerdì, in tutta Italia!

calla_lilies.section_title

Una seducente pianta di origine africana, elegante e sinuosa, dai petali luminosi e morbidi solitamente bianchi. Non ti sembra di leggere una favola? Le calle rappresentano la bellezza e l'eleganza racchiuse in un fiore. Non a caso il loro nome deriva dalla parola greca kallos che significa bello.

Le calle: fiori di luce e raffinatezza

Calas

Il vero nome di questa pianta è Zantedeschia in onore del medico e botanico italiano Giovanni Zantedeschi, al quale il botanico tedesco Kurt Sprengel ha dedicato questo genere. Spesso è stata confusa con l'aro acquatico, una pianta botanicamente chiamata calla di palude appartenente al genere Calla e non al genere Zantedeschia.

La calla è originaria del Sudafrica e appartiene alla famiglia delle Aracee. È una pianta bulbosa perenne sempreverde ed è coltivata soprattutto per bouquet e composizioni floreali. Non è raro trovarla negli addobbi per cerimonie e matrimoni, giacché è considerata un'eccellente pianta decorativa.

La calla più diffusa e conosciuta è la Zantedeschia aethiopica. In generale, tutte le varietà possono essere piantate sia in giardino sia in vaso. Non richiedono cure particolari e inoltre non temono molto il freddo poiché con il clima invernale entrano in riposo vegetativo. Ti consigliamo, però, di sradicare i bulbi e ripiantarli qualora le temperature invernali scendessero sotto lo zero.

La fioritura inizia in tarda primavera e continua tutta l'estate. I bulbi vanno interrati a 10 centimetri di profondità e se vuoi piantarli in giardino, devi lasciare tra loro una distanza di 40 centimetri.

Fai attenzione perché è una pianta tossica per gli animali e per l'uomo. Devi quindi tenerla lontana da bambini e animali domestici per evitare, in particolare, l'ingestione.

Calas

Come coltivare la calla

Ora, devi solamente scegliere il giusto angolo del tuo giardino oppure preparare un bellissimo vaso per il tuo balcone o terrazzo. In quest'ultimo caso, tieni conto che alcune calle possono raggiungere i 90 centimetri, ma trovi tranquillamente anche varietà nane. Nonostante sia facile coltivarle, ecco alcuni consigli da seguire.

Posizione
Essendo una pianta di origini africane, è amante del sole diretto. Scegli quindi una posizione dove la pianta possa ricevere i raggi solari almeno due ore al giorno. Ciò vale anche per la coltivazione in vaso. L'ideale sarebbe un'esposizione diretta nelle prime ore del mattino.

Terreno
Il terreno deve essere ricco e fertile. Ti consigliamo di aggiungere della torba per renderlo consistente. Per la coltivazione in vaso, metti della ghiaia o della sabbia sul fondo e assicurati che ci sia il giusto drenaggio dell'acqua. Devi evitare eccessiva umidità per scongiurare marciumi indesiderati.

Periodo e interro
Le specie si dividono in due categorie: alcune a fioritura precoce e altre a fioritura tardiva. Le specie tardive vanno messe a dimora verso fine febbraio; quelle precoci, invece, vanno piantate tra fine agosto e metà settembre.

Irrigazione
Il terreno deve essere sempre umido ma non bagnato perché devi evitare i ristagni idrici. Nel periodo di fioritura va annaffiata abbondantemente, mentre l'irrigazione deve essere scarsa e mantenere il terreno umido negli altri periodi. Stai attenta a non innaffiare direttamente i fiori con i getti d'acqua. Sono talmente delicati che la pressione potrebbe danneggiarli.

Potatura
Le calle non necessitano potatura, ma ti consigliamo di rimuovere i fiori appassiti e le foglie secche.

Concimazione
All'inizio della fioritura devi fornire nutrimento alle piante. Se le hai in giardino, usa un concime granulare con predominanza di potassio. Per le piante in vaso, invece, è meglio usare prodotti liquidi. Sia in giardino sia in vaso, puoi usare anche fertilizzanti fogliari per rendere rigogliose le piante.

Prendersi cura dei fiori recisi

Calas

I fiori di calla si mantengono bene in vaso e durano a lungo, a volte fino a due o tre settimane. Tuttavia, come tutti i fiori recisi, hanno bisogno di particolari cure che ne esaltino le caratteristiche. Ecco quindi qualche consiglio per farli durare a lungo.

Evita che i fiori si disidratino
Se hai acquistato o hai ricevuto i fiori, liberali da qualsiasi confezione e mettili subito in acqua; se non puoi farlo subito, tienili in un luogo fresco e in penombra. Nel caso in cui hai coltivato tu stessa le piante, annaffiale abbondantemente la sera precedente e recidi i fiori nelle prime ore del mattino.

Disinfetta il vaso
Sia al primo utilizzo sia durante i cambi di acqua, devi disinfettare bene il vaso con acqua e candeggina. Per assicurarti che l'acqua non sviluppi batteri e microorganismi, puoi aggiungere un cucchiaino di succo di limone o un cucchiaino di zucchero.

Taglia gli steli
Taglia gli steli a 45 gradi con un coltello ben affilato e disinfettato. Ti consigliamo di eseguire il taglio con lo stelo immerso in acqua per evitare bolle d'aria nei vasi linfatici del fiore. Questo metodo giapponese è chiamato mizugiri

Allontana il vaso dalla luce diretta, da fonti di calore e dalla frutta
Metti il vaso in una posizione illuminata ma al riparo dai raggi solari diretti. Tieni lontano le calle da termosifoni e fonti di calore e dalla frutta.

 Un fiore elegante che rivendica un ruolo da protagonista! Regalalo a una persona cara oppure lascialo entrare nella tua casa.