Monstera: un nome ‘mostruoso’ per una pianta da interni dalla bellezza impareggiabile

Pianta Monstera

Oggi giorno condividiamo tutto: momenti, gioie, dolori e certamente le nostre amate piante! Così, scatto dopo scatto, la bellissima Monstera si è presa la scena diventando la vera regina del web: la pianta d’appartamento più amata del momento.

Certo, avrai visto la Monstera online in tutte le salse e sicuramente la desideri anche tu per decorare una delle tue stanze preferite o semplicemente per fare un magnifico regalo.

Ma sappiamo veramente tutto su questa splendida pianta? Niente paura, lanciamoci alla scoperta della pianta cult più di tendenza.

Cominciamo dal nome

Anche se negli ultimi anni è scoppiata la vera e propria mania di comprare la Monstera per le sue elegantissime forme, le piante di questa specie sono tutt’altro che nuove.

La scoperta di questa pianta, appartenente alla famiglia delle Aracee, risale al lontano 1763. Fu in quell’anno che il botanico francese che per primo ebbe l’opportunità di catalogarla, decise di definirla mostruosa.

Il nome, infatti, deriva dal latino ‘monstrum’, cioè mostro. Ma come mai, di fronte a tanto splendore, è stata scelta proprio la parola mostro? La risposta non è certa, però le ipotesi più accreditate sono due.

Da un lato, il nome potrebbe riferirsi alle dimensioni che la pianta raggiunge allo stato selvatico, quando è libera di crescere in natura e può raggiungere gli 20 metri di altezza. La seconda ipotesi è relativa alle dimensioni delle foglie che si allungano fino a ben 100 centimetri, con forme imprevedibili e sempre una diversa dall’altra.

In un caso o nell’altro, però, una cosa è sicura: se i mostri fossero tutti così belli, faremmo a gara a metterli nel nostro salotto.

Fiona M

A partire da 29,00 €

Pianta Monstera

Savannah S

A partire da 32,00 €

Tessa L

A partire da 32,00 €

Un po’ di curiosità

La Monstera è originaria del Centro America e inizialmente era diffusa soprattutto in Guatemala e Messico. In questa regione tropicale, gli abitanti del luogo hanno imparato molto presto ad apprezzare non solo la sua bellezza, ma persino il suo sapore.

Nella cucina locale, infatti, questa pianta sorprendentemente commestibile viene utilizzata in tante ricette tradizionali che ne sfruttano la polpa densa, saporita e con il gusto dolce e fresco dell’ananas.

Grazie a questa sua speciale caratteristica, la pianta Monstera è stata associata alla vita ed è diventata un importante simbolo di buon auspicio. In Guatemala, ancora oggi potresti ricevere un vassoio, un ventaglio o una collana di foglie di Monstera, come amuleto contro gli spiriti maligni.

Caratteristiche generali

 

La principale caratteristica della Monstera sta nella particolarità delle sue foglie che sono eterofille. In altre parole, saranno sempre ognuna diversa dall’altra e assumeranno forme sempre inattese.

Quando la pianta è giovane, le foglie tendono ad assumere un aspetto cuoriforme, ma crescendo diventano frastagliate e la loro diversità conferisce alla Monstera un’armonia speciale fatta di mille differenze.

La Monstera è molto resistente e richiede poche cure, ciò la rende particolarmente adatta anche per arredare uffici e ambienti poco frequentati. Il fogliame ha una vita naturale di circa 5 anni.

Al di là di questi tratti comuni, esistono oltre 60 specie di piante Monstera. Ecco le più diffuse e conosciute.

Pianta Monstera

Monstera Deliciosa

Si tratta probabilmente della più diffusa tra le Monstera. È conosciuta anche con il nome di Filodendro, per un vecchio errore di catalogazione. La Deliciosa è tipicamente di origine messicana e, nonostante la sua imponenza naturale, quando è coltivata in ambiente europeo le sue dimensioni sono abbastanza contenute e perfette per un ambiente interno.

Ne esiste anche una specie simile, detta variegata, che presenta foglie di colorazioni tenui, dal bianco all’avorio, fino al beige. Attenzione però: con la crescita e il conseguente aumento dell’eterofillia, le foglie acquistano gradualmente la tradizionale colorazione verde acceso.

Monstera Pertusa

Tutte le Monstera sono rampicanti, ma la Pertusa, pianta tipica della Guyana francese, ha una tendenza spiccata ad aderire alle superfici e a svilupparsi verticalmente. Ciò la rende particolarmente adatta alla decorazione di superfici verticali e angolari. Per la loro coltivazione intensiva, le foglie presentano un apice più acuminato rispetto al passato e si sviluppano maggiormente lungo una dorsale centrale. Ciò facilita lo sviluppo e la rende adatta all’arredamento di spazi verticali.

Monstera Acuminata

La lamina delle foglie della Monstera Acuminata è inizialmente integra. Con la crescita, le foglie tenderanno a sviluppare le perforazioni e le particolarità tipiche delle altre piante Monstera, ma solo gradualmente. È una scelta particolare per chi ama l’idea di una pianta in evoluzione, che assumerà, come forse capita anche a noi, mille forme e caratteristiche nell’arco della sua splendida esistenza.

Certo, questi sono pochi esempi, ma sono sufficienti per stuzzicare la nostra curiosità e tuffarsi nell’incredibile mondo della Monstera.

Che cosa aspetti? È la pianta del momento! Corri a scoprirla e a condividere la sua bellezza con tutte le persone che ami!