Spedizione gratis dal lunedì al venerdì, in tutta Italia!
Vai a Colvin
Colvinpedia, Colvinpedia fiori, Mondo Colvin

Narciso, il fiore dell’egoismo: leggenda, cura e significato

Oggi è uno di quei giorni romantici. Non chiedeteci perché, ma ci siamo alzati con tanto amore da dare. I fiori non potrebbero ispirarci di più. Eccoci a parlare di un fiore dalla forma molto particolare. Niente di più e niente di meno che il narciso.

Abbiamo riletto la storia di com’è nato questo bellissimo fiore e ci siamo sciolti. Conosci la leggenda nascosta del narciso? È una di quelle storie che non puoi proprio smettere di ascoltare. Dobbiamo assolutamente raccontartela.

Leggenda del fiore di narciso

Conosci Narciso? Quel ragazzo molto bello e appariscente? Il ragazzo di cui tutte s’innamorano? Bene, parliamo di lui. Narciso era un giovane che suscitava passione ovunque passasse e di cui tutte le ragazze s’innamoravano. Lui però le ha sempre respinte.

Una ragazza in particolare, o meglio, una ninfa, era follemente innamorata di lui. Il suo nome era Eco e un fatto molto importante su di lei è che era stata punita da Era. La sua punizione consisteva nel poter ripetere solamente l’ultima parola che le dicevano, perciò non poteva sostenere alcuna conversazione.

Un giorno Narciso andò a caccia ed Eco decise di seguirlo. Lui notò che qualcuno lo seguiva e chiese: “C’è qualcuno qui?”. Eco rispose: “Qui, qui”. Narciso non poteva vederla, così gridò: “Vieni fuori!”. Eco uscì dagli alberi a braccia aperte ma Narciso la respinse. La ninfa sconsolata si nascose in una grotta e si consumò piano piano. Di lei rimase solo la sua voce.

Per punire Narciso, Nemesi, dea della vendetta, lo fece innamorare della propria immagine. Quando si vide riflesso in uno stagno, non riuscì più a separarsi dalla sua immagine, al punto da gettarsi in acqua nel tentativo di catturare l’immagine che vedeva. Nel luogo in cui cadde, nacque il bellissimo fiore che fu chiamato Narciso.

Una storia un po’ tragica ma che ci ha regalato un fiore bello come il narciso.

mito di narciso

Significato del narciso

Come abbiamo detto nel titolo di questo articolo, il narciso simboleggia l’egoismo, anche se ci sono alcune correnti di pensiero che sostengono che donando il narciso possiamo esprimere bellezza interiore e autostima. Molti lo mettono in relazione con la rinascita, i nuovi inizi e la vita eterna. Allo stesso tempo simboleggia l’amore non corrisposto, un amore che ci ricorda la leggenda: la tragica storia di Eco e Narciso.

Sebbene il significato del narciso derivi da questa leggenda, c’è un dettaglio su questo fiore che amiamo raccontare. È una cosuccia piccola, ma quando il narciso entra in scena, può dire cose molto diverse. Sapevi che c’è una grande differenza nel regalare un singolo narciso o regalarne un bouquet?:

  •       Se regali a qualcuno un singolo fiore, quello che stai facendo è predire una disgrazia per quella persona.
  •       Invece, regalare un bouquet significa gioia e felicità.

Perciò, in questo caso, un bouquet di fiori è meglio di un singolo fiore 😉

Come prendersi cura del narciso?

I narcisi sono fiori da esterno e interno. In entrambi i casi, la loro cura è molto simile e semplice. Se vuoi avere un narciso in buona salute, la ricetta è molto facile e semplice: un ambiente caldo e una buona quantità di luce solare. Assicurati che il terreno sia sempre umido e, se possibile, dagli una spinta con nutrienti speciali per il substrato.

La qualità del narciso, che nasce da un bulbo, è che se abbiamo la pazienza di prenderci cura di questi fiori durante i periodi freddi dell’anno, raccogliendo e trapiantando nuovamente i loro nuovi bulbi, avremo i narcisi in fiore anno dopo anno.

Dopo la fioritura, dobbiamo aspettare che i fiori si secchino completamente. Poi, dissotterriamo il bulbo per conservarlo in un luogo asciutto e fresco, ad esempio avvolto nella carta, fino all’inizio dell’inverno, poiché circa 5 o 6 mesi prima della sua prossima fioritura dovremo piantarlo in un nuovo terreno.

Per rendere questo processo un successo, è meglio bagnare il bulbo in acqua e seppellirlo in un vaso largo e poco profondo, aggiungendo al terreno uno strato di fosforo e abbondante acqua.

Come sempre, è importante mantenere la terra umida senza pozzanghere, che la pianta abbia sole ma anche ore di ombra e infine, che l’acqua non tocchi mai i suoi petali, perché potrebbe farli marcire.

fiore-narciso

La Colvinpedia

Non dimenticare che se sei interessato ai fiori e vuoi saperne di più sulle loro proprietà e curiosità, non puoi perderti la Colvinpedia. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *